Tributi: il garage è soggetto alla TARSU



Importanti pronunziamenti giudiziari che consolidano un orentamento oramai prevalente, definiscono una volta per tutte che i garage sono soggetti alla Tarsu, risolvendo così un dubbio che ha disorientato gli utenti e in passato, talvolta, anche gli uffici comunali nell’applicare le norme.
Con la Sentenza n. 14/34 del 07/12/2010 la Commissione Tributaria Regionale di Palermo, Sez. di Catania, ha infatti rigettato l’appello di un contribuente, confermando così la sentenza di primo grado della Commissione Tributaria Provinciale, relativa agli avvisi di accertamento emessi dal Comune di Catania per la tassa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tarsu) su un immobile adibito a garage.
Di uguale avviso la Sentenza 92/34 del 22 Febbraio 2010 della Commissione Tributaria Regionale di Palermo, Sez. di Catania.
I giudici di primo grado avevano già affermato che gli avvisi di accertamento impugnati, fossero regolarmente e legittimamente emessi e notificati dal Comune di Catania, essendo dovute tanto la TARSU sul garage quanto le sanzioni annuali per omessa denuncia.
La Commissione Tributaria Regionale di Palermo, condividendo le considerazioni esposte dai Giudici di primo grado, ha peraltro affermato:“Nel merito, è indubbio e fatto consolidato dalla giurisprudenza tributaria, che anche gli immobili adibiti a garage o altro uso simile sono soggetti alla TARSU.”
Da segnalare che la Commissione ha, inoltre, condannato il ricorrente alle spese di giudizio.
Con tale sentenza la Commissione Tributaria Regionale di Palermo, sulla scia dI una copiosa giurisprudenza di merito e della Suprema Corte di Cassazione (Sentenza del 22/12/2004 n. 23802 ed in ultimo n. 21337 del 7/8/2008), ha dato ragione all’Amministrazione Comunale.
A tal proposito è opportuno ricordare che, pochi mesi fa, l’Amministrazione Comunale di Catania - pur ribadendo l’obbligo del contribuente a pagare, anche per il garage, la tassa rifiuti solidi urbani - ha proposto al Consiglio Comunale, che l’ha approvata, una modifica regolamentare volta alla riduzione dell’imposizione dei “garage” graduando la stessa in proporzione alla diversa attitudine degli stessi alla produzione dei rifiuti, rispetto alle abitazioni.
Inoltre al fine di agevolare i contribuenti e tenuto conto delle dimensioni standard dei posti auto all’aperto, l’Amministrazione Stancanelli ha provveduto nei mesi scorsi alla detassazione ai fini Tarsu, con decorrenza dal 1° Gennaio 2009, di tutte le aree di dimensione non superiore a 10 mq, aventi la caratteristica di aree scoperte adibite a parcheggio ad uso privato.
“I recenti interventi agevolativi dell’Amministrazione Comunale -spiega l’assessore al Bilancio Gaetano Riva e ora le sentenze della Commissione Tributaria Regionale di Palermo, Sez. di Catania hanno – auspicabilmente - posto la parola fine alla annosa querelle in materia di “Tarsu Garage” che negli ultimi anni ha provocato decine di ricorsi con rilevanti costi amministrativi a carico del sistema giudiziario, oggi, ribaltati sugli stessi ricorrenti. Il dato giurisprudenziale conferma dunque la bontà dell'orinetamento seguito dal ragionere Generale, dall'Amministrazione e dal Consiglio”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte : Ufficio Stampa

6 marzo 2010

News