Giardino Bellini

70.942 mq all'interno della quale si dispongono, aiuole fiorite, piazze, panchine per il riposo e la lettura, viali ombreggiati e fontane

Pubblicato il:

6 ottobre 2007

Ultima revisione:

11 marzo 2021

 

Giardino Bellini

 

Scheda valutativa parco

Superficie totale: Mq. 61640

Illuminazione: a copertura totale buona

Arredo: panchine e beverini omogeneamente divisi lungo la superficie

Pavimentazione strade e vicoli: 60% asfalto; 25 % mattonelle d'asfalto

Pavimentazione con mosaici: 15% presenti lungo i viali della collina nord e della collina del datario

Attrezzature sportive: presenti lungo il perimetro comprendente anche strutture per portatori di Handicap

Servizi igienici: siti presso collina nord lato entrata Piazza Roma

Fontane: entrata piazza Roma "Samaritana" entrata Via Etnea "Vasca dei Cigni"

Bambinopoli: sita di fronte collinetta nord

Verde fruibile: parziale solo dove presenti attrezzature sportive

Alberate presenti in n. 711: Platani, Schinus, Ficus m., Ficus e., Ficus M., Nerium o., Ligustrum J., Ligustrum v., Pino p., Pinus r., Chorisia s., Casalpina t., Sophora j., Sophora p., Araucaria e., Araucaria c., Araucaria b., Erytrina f., Brachichiton a., Grevillea r., Ceratolina s., Citrus a., Phytolacca, Ulmus c., Magnolia g., Merita d., Cedrus d.. Albero secolare :Ficus Magnolideis situato entrata lato Piazza Roma.

Palmizi presenti in n. 247: Phoenix c., Phoenix d., Phoenix r., Phoenix ro., Chamaerops h., Trachicarpus f., Washigtonia f., washigtonia r., Livistona c., Livistona a., Erythea a., Howea f., Cycas r., Dracena d., Cordyline i., Yucca e.

Aperture e chiusura parco, a cura del Servizio Verde Pubblico, nei seguenti orari (giusta ordinanza sindacale n. 94 del 19/06/2020):
invernale dal 01/11 al 30/04 - "07.00 - 20.00"
estivo dal 01/05 al 31/10 - "07.00 - 22.00"

Impianto d'irrigazione: automatico telecontrollato

Autorizzazioni e concessioni: vai alla pagina con la descrizione e la documentazione >>

La Villa Bellini

 

Per i catanesi il Giardino Bellini è semplicemente ‘a Villa, luogo di svago, di relax, di passeggiate e di incontri.
Occupa, nel suo complesso, una superficie di 70.942 mq all'interno della quale si dispongono, aiuole fiorite, piazze per manifestazioni sportive e musicali, panchine per il riposo e la lettura, viali ombreggiati e fontane. Una parte dello spazio, oggi occupato dalla villa, costituiva l'antico‘Labirinto', pittoresco giardino che circondava un edificio realizzato, nel ‘700, da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari. L'abitudine di costruire giardini con percorsi intricati nei quali gli ospiti si potessero facilmente smarrire, era una delle tante mode diffuse nell'Europa del Settecento quando si fondevano e convivevano la razionalità e la fantasia, il gusto per le ‘meraviglie' e il rigore scientifico. Intorno alla metà dell'Ottocento il Comune di Catania acquistò la villa della famiglia Paternò Castello per costruirvi un parco pubblico. Negli anni successivi furono acquisiti nuovi terreni per dare ancora più spazio al giardino e consentire alla popolazione catanese di recarsi in un grande luogo verde, ricchissimo di decorazioni floreali, palmizi, alberi centenari e fontane. Tra le pagine di una breve ma essenziale guida di Catania, edita nel 1899, troviamo una gustosa descrizione del giardino che, sin dalla sua apertura, fu considerato uno dei più belli d'Europa. "Il Giardino Bellini - leggiamo nella guida - è il ritrovo più simpatico e ameno della città. La sua posizione è incantevole. Da due collinette, che si ergono nel centro e che sono divise da un ampio piazzale, si domina buona parte della città, la distesa del mare e lo spettacolo maestoso dell'Etna. Per questa diversità di panorami che offre, il Giardino di Catania è considerato come uno dei migliori d'Europa. Chi guarda da una delle due colline, prova le stesse impressioni di chi sta a guardare Roma dalla spianata del Pincio o Firenze dal piazzale Michelangelo. I viali di questo giardino sono diversi e tortuosi, fittamente ombreggiati e tracciati tanto sul pendio delle due collinette, come nei punti piani della villa.

Diversi ponticelli, costruiti con vera eleganza, i sottopassaggi, un tunnel, le aiuole fiorite, i praticelli erbosi e ricchi di ogni specie di fiori, la fontana, il piazzale che divide le due colline, tutto si fonde per trasformare questo meraviglioso giardino in un luogo di delizie. Nell'estate vi si godono pomeriggi freschi, col riparo degli alti ed ombrosi alberi: meravigliosi tramonti per la calda orientale vivacità dei loro riflessi; le serate si passano deliziosamente, quando sciami di signore popolano la villa illuminata fantasticamente e riccamente". Queste parole possono, ancora oggi, essere considerate pertinenti; l'atmosfera che si respira nella villa Bellini è la stessa che animava l'entusiasmo del nostro scrittore di guide. Nel 1932, l'antico ingresso sulla via Etnea venne reso monumentale; sempre quell'anno fu innalzato il cavalcavia sulla via Sant'Euplio e fu realizzata la grande vasca circolare nella quale vennero messi a dimora alcuni bellissimi cigni bianchi.
Nel 1933 l'artista M.M. Lazzaro collocò nel piazzale dell'ingresso principale le statue che personificano le arti.
Negli ultimi anni la villa Bellini accoglie spettacoli prestigiosi che allietano le serate dei catanesi e dei visitatori italiani e stranieri.
Bibliografia generale AA.VV., Enciclopedia di Catania, Catania 1987.
Guida di Catania e provincia, a c. di N. Recupero, Catania 1991.

Villa Bellini è il principale giardino pubblico della città. Occupa una superficie di 70.942 mq e deriva, attraverso vari processi di ampliamento e riadattamento, da un antico giardino settecentesco, del quale oggi restano poche tracce.

Il patrimonio botanico di Villa Bellini consiste, tra alberi e arbusti, in 106 specie di piante prevalentemente di origine esotica. Diversi sono gli esemplari ultracentenari che, per la loro maestosità, rendono pregevole il giardino.
Villa Bellini si presenta come un giardino formale e in parte bisimmetrico. La flora, per lo più di tipo subtropicale, è costituita da elementi che, tranne poche eccezioni, hanno ampia diffusione nel paesaggio verde cittadino.

In misura quantitativamente minore sono rappresentate specie del contingente mediterraneo (Ulmus canescens,Quercus ilex, Pinus halepensis, P. pinea, Cupressus sempervirens, Viburnum tinus).

La forma biologica dominante è quella fanerofitica, sia arborea che arbustiva la quale, nell'insieme, definisce
l'aspetto strutturale più significativo della copertura vegetale.
Sono presenti 106 specie, appartenenti a 83 generi e 54 famiglie; tra queste meritano menzione le numerose palme (Chamaerops humilis, Ph. canariensis, Ph. reclinata, Livistona chinensis, L. australis, Washingtonia filifera, W. robusta, Erythea armata, Trachycarpus fortunei, Howea forsteriana), varie specie di Araucaria (A. heterophylla, A. bidwillii,, A. columnaris A. cunninghamii) e Ficus (F. magnolioides, F. microcarpa, F. elastica), imponenti esemplari di Sophora japonica, Cupressus sempervirens, Phytolacca dioica, nonché filari di Platanus x hybrida e Schinus molle, componenti principali delle alberature dei viali.

 

Approfondimenti

 

Recupero e valorizzazione del verde storico "Giardino Bellini", per una migliore fruibilità anche ai fini ludico - spettacolari


Parchi e Giardini Pubblici

| Giardino Bellini | Villa Pacini | Boschetto della Plaia | Parco Gioieni | Parco degli Ulivi | Parco Falcone | Parco M.T. di Calcutta | Parco Fenoglietti | Parco Gandhi | Parco I Vicerè | Parco Sciascia | Parco Vulcania "Piazza A.Moro" |


 

Gestione del Verde Pubblico  

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Politica sui cookies