La nuova sede dei Servizi Demografici, Decentramento e Statistica

Via Alessandro La Marmora n° 23, 95122 Catania.

Piano Uffici

Padiglione A

1
  • Auditorium "Avv. Serafino Famà"
T
  • Polizia Municipale: Accertamenti Anagrafici
  • Ufficio Stranieri
-1
  • Archivio Elettorale
  • Archivio della Popolazione Modello A e B
  • Archivio di Stato Civile

Padiglione B

2
  • Protocollo di Direzione
  • Accertatori Anagrafici
1
  • Economato di Direzione
  • Responsabile P.O. Elettorale
  • Responsabile P.O. Elettorale Coordinamento Uffici Anagrafici
T
  • Ufficio Elettorale
   

Padiglione C

1
  • Direzione
  • Assessorato
T
  • P.O. Supporto Informatico di Direzione C.E.D.)
  • A.I.R.E. 
  • Movimento della popolazione: Cancellazioni anagrafiche

Padiglione D

1
  • Leva
  • Servizio Statistica
T
  • Morti
  • Trasporti Funebri
  • Polizia Municipale: Controlli Patrimoniali
  • Movimento della Popolazione: Cambi di Residenza ed Indirizzo

Padiglione E

1
  • Autocertificazioni
  • Pronto Anagrafe
  • Toponomastica ed Atti Censuari
  • Presenze
T
  • Matrimoni
  • Divorzi e separazioni matrimoniali
  • Nascite
  • Cittadinanza

 

 

 

 

Il Sindaco, "Era una delle grandi incompiute di Catania. Ci sono voluti quindici anni ma adesso Catania ha uno dei più bei centri direzionali d'Italia".

La struttura ospita i Servizi demografici (Anagrafe, Stato Civile, Ufficio elettorale, Toponomastica), i Servizi di Decentramento e Statistica, alcuni servizi del Corpo della Polizia Municipale e la sede catanese del Distretto Sud-Est Sicilia per un totale di 160 dipendenti.

Il presidente della Municipalità Serrano, "Un'autentica ricchezza per il quartiere".

"Non ho tagliato un nastro ma ho sciolto l'ultimo nodo che legava una delle grandi incompiute di Catania".


Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco inaugurando il Centro Direzionale di San Leone, nel cuore dell'omonimo quartiere, all'interno di un'area di circa 12.000 metri quadrati, in buona parte a verde, dove da oggi sono ospitati i Servizi demografici (Anagrafe, Stato Civile, Ufficio elettorale, Toponomastica), i Servizi di Decentramento e Statistica e alcuni servizi del Corpo della Polizia Municipale, per un totale di 160 dipendenti.

Qui si trova anche la sede catanese del Distretto della Sicilia del Sud-Est e dell'associazione di volontariato Misericordia.

"Nella mia precedente sindacatura - ha detto Bianco - avevo pensato di realizzare qui a San Leone un centro direzionale al servizio di tutta la città per alleggerire il centro storico dalla presenza di uffici ingombranti e che richiamano traffico. E soprattutto per riparare in parte allo sventramento, alla fine degli anni Cinquanta, del vecchio quartiere San Berillo che portò qui, nel nuovo San Berillo e a San Leone, migliaia di catanesi con un'urbanizzazione caotica. Per questo esodo forzoso la città ha sempre avuto un debito verso questo quartiere.

 

Sono passati quasi quindici anni dall'inizio dei lavori, ci sono state una serie di circostanza negative ma alla fine ce l'abbiamo fatta. Oggi Catania ha un centro direzionale tra i più belli di tutte le città italiane, in un quartiere che è insieme nel centro ma anche nella periferia della città".
Il Sindaco ha visitato tutti e cinque i padiglioni del Centro direzionale, contraddistinti da lettere e da una segnaletica colorata, per portare un saluto ai 160 dipendenti comunali ospitati nella struttura. Poi, nel corso della cerimonia all'interno dell'auditorium gremito di ragazzi dell'Istituto comprensivo Montessori-Mascagni, Bianco ha ribadito la soddisfazione per come sia stata vinta "una battaglia contro mille difficoltà".
"Catania - ha detto Bianco - ha adesso una struttura adeguata al servizio di tutti i cittadini ma in particolare dei diversamente abili. Qui si trova infatti lo Sportello H e chi ne avrà bisogno potrà godere di un'assistenza particolare, grazie ai volontari, senza bisogno di girare tra gli uffici per sbrigare le pratiche, come meritano quei cittadini che hanno bisogno di un sorriso e di un aiuto. Catania rinasce anche grazie a queste iniziative".

Il vicesindaco Marco Consoli, assessore ai Servizi demografici e alla Polizia municipale, ha ricordato come le operazioni di trasloco siano state possibili "grazie alla sinergia tra dirigenti, funzionari e impiegati dei Servizi demografici e del personale della Multiservizi".

Consoli ha ricordato come nel Centro direzionale trovino posto gli archivi cartacei dell'Anagrafe, con la storia delle famiglie catanesi, custoditi un'area a prova d'incendio e dotata di un sistema di spegnimento automatico a gas.

Il presidente della Quinta Circoscrizione Orazio Serrano ha parlato di "giornata da ricordare" ringraziando per il suo impegno il sindaco Bianco.
"Stiamo inaugurando - ha detto - una magnifica struttura che sembrava stregata e invece è finalmente diventata una realtà. Il Centro direzionale sarà il volano per il rilancio del quartiere: i 160 dipendenti comunali che lavoreranno qui rappresentano per noi un'autentica ricchezza".

Nel corso della cerimonia inaugurale - alla presenza degli assessori Luigi Bosco, Rosario D'Agata, Salvo Di Salvo, Orazio Licandro e Valentina Scialfa, del direttore generale Antonella Liotta, della vicepresidente del quartiere Maria Grazia Felicioli, dei consiglieri circoscrizionali, dei presidenti di Municipalità Emanuele Giacalone, Lorenzo Leone e Salvo Rapisarda, dei consiglieri comunali  Ersilia Saverino, Elisa Vanin, Nuccio Lombardo, Salvo Spadaro, del presidente dell'Amt Carlo Lungaro e della Multiservizi Michele Giorgianni - è stata ripercorsa la storia del Centro direzionale di San Leone, ideato nel 1997-98. Il progetto fu poi approvato nel 2003 con una determina dirigenziale e i lavori, appaltati nel 2006 per un importo di 5,2 milioni di euro, proseguirono regolarmente fino al 2009, quando furono sospesi per un'informativa antimafia nei confronti dell'impresa capofila dell'Ati che se li era aggiudicati.

Nel 2010 il Tribunale dichiarò il fallimento della ditta e nel 2011 subentrò un'altra azienda dell'Associazione temporanea di imprese.

 

A questa il Comune propose delle variazioni di lavori visto che, nel frattempo, era stato deciso di destinare il plesso a ospitare i Servizi demografici.

 

 

 

 

LA SCHEDA

Notizie generali

Il Centro Direzionale di San Leone si trova nel cuore dell'omonimo quartiere, quest'ultimo progettato negli anni Cinquanta e intitolato dall'Amministrazione comunale a Leone II il Taumaturgo, che nel 765 divenne il quindicesimo vescovo di Catania e venne poi proclamato santo.

Caratteristiche del Centro

Si estende all'interno di un'area di circa 12.000 metri quadrati, in buona parte destinata a verde, ed è articolato su diversi piani. I cinque padiglioni dell'area coperta ospitano uffici comunali, associazioni di volontariato, Polizia municipale e la sede del Distretto della Sicilia del Sud- Est. Una segnaletica colorata e contraddistinta da lettere permette orientarsi facilmente e raggiungere i cinque padiglioni.

Cosa ospita

Come detto il Centro ospita i Servizi demografici (Anagrafe, Stato Civile, Ufficio elettorale, Toponomastica), i Servizi di Decentramento e Statistica e alcuni servizi del Corpo della Polizia Municipale, per un totale di 160 dipendenti. Qui si trovano anche le sedi del Distretto della Sicilia del Sud-Est e dell'associazione di volontariato Misericordia.

Lo Sportello H

Nel centro non esistono barriere architettoniche e per questo l'Amministrazione comunale ha voluto riservare una particolare attenzione ai diversamente abili aprendo qui il nuovo Sportello H, l'ufficio al quale rivolgersi per usufruire di specifici servizi. I volontari della Misericordia, inoltre, si faranno carico dell'accompagnamento e dell'assistenza dei diversamente abili.

Archivi

Gli archivi cartacei dell'Anagrafe, che custodiscono la storia delle famiglie catanesi, troveranno finalmente posto in un'area a prova d'incendio, dotata di un sistema di spegnimento automatico a gas. Entro l'anno sarà completato il trasferimento degli elettroschedari con i dati di tutti i cittadini che sono o sono stati residenti a Catania e i nuovi scaffali per i registri di Stato Civile. Il trasloco è stato possibile grazie alla sinergia tra dirigenti, funzionari e impiegati dei Servizi demografici e del personale della Multiservizi.

Parcheggi e mezzi pubblici

Il Centro, dotato di un'ampia autorimessa, a breve sarà raggiungibile dalla linea 902 dell'Amt. All'esterno, lungo le vie Giorgio Ambrosoli e Alessandro La Marmora, sono stati realizzati 150 stalli bianchi per il parcheggio gratuito, due riservati ai diversamente abili e uno per la

Polizia municipale.

E' stato inoltre ripulito il terreno, tra via Ambrosoli e il Centro Direzionale, che, di proprietà del Vaticano, il Comune ha chiesto alla Santa Sede per realizzare un parcheggio e un nuovo ingresso sul prospetto centrale.

Vigilanza

La vigilanza nelle ore di ufficio è assicurata dalla presenza di due unità della Polizia municipale. Dopo l'orario di chiusura operano dei metronotte. L'area esterna sarà illuminata 24 ore su 24. Fino a mezzanotte nel plesso si troveranno anche i volontari della Misericordia.

La storia del Centro

Il Centro direzionale di San Leone fu ideato durante la precedente sindacatura di Enzo Bianco. Il progetto fu poi approvato nel 2003 con una determina dirigenziale e i lavori, appaltati nel 2006 per un importo di 5,2 milioni di euro, proseguirono regolarmente fino al 2009, quando furono sospesi per un'informativa antimafia nei confronti dell'impresa capofila dell'Ati che se li era aggiudicati. Nel 2010 il Tribunale dichiarò il fallimento della ditta e nel 2011 subentrò un'altra azienda dell'Associazione temporanea di imprese. A questa il Comune propose delle variazioni di lavori visto che, nel frattempo, era stato deciso di destinare il plesso a ospitare i Servizi demografici.

Consegna e trasloco

La struttura avrebbe dovuto essere consegnata dalla ditta appaltatrice all'inizio di quest'anno, ma, dopo una serie di furti di rame e continue richieste di anticipazioni, la ditta ha abbandonato il cantiere ed esiste un contenzioso con il Comune e una causa che ha portato a un processo. La prima udienza è prevista per i prossimi giorni davanti al Tribunale civile di Catania. Tutti questi problemi hanno rallentato notevolmente le operazioni di trasloco.

Collaudo

L'edificio è già dotato del collaudo statico e delle prescritte certificazioni di rispondenza alle norme di sicurezza che ne consentono l'utilizzo, pur in mancanza dell'atto tecnico-amministrativo di formalizzazione e chiusura dell'appalto.

Convenzioni

Entro l'anno sarà firmata la convenzione tra Comune e Misericordia che consentirà di far partire i servizi previsti.

 

Dove Siamo

La nuova sede dei Servizi Demografici, Decentramento e Statistica

Via Alessandro La Marmora n°23, 95122 Catania.

 

 

Posizionamento in Mappa 

Coordinate satellitari: 37°30'0.73"N, 15° 3'45.67"E

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Logo Ufficio Statistica Comune di Catania

Pubblicazioni:

Bollettino Demografico  (Anno 2017);

Utility Carello della Spesa online (Anno 2017);

Flusso Turistico Aeroportuale  (Anno 2017);

Indagini:

Mobilità Urbana ( descrizione e questionario)

Censimento delle Associazioni Culturale ( modulistica )