Piano Operativo Sant'Agata Sicura 2020

Piano Operativo Sant'Agata Sicura 2020

Pubblicato il:

27 gennaio 2020

Ultima revisione:

1 febbraio 2020

31.01.2020

Illustrato il piano di Sicurezza per la festa di Sant'Agata 2020.

Il presidente del Comitato per la Festa di Sant’Agata Riccardo Tomasello, ha presentato stamani il piano di Safety predisposto dal Comitato stesso in accordo con la Prefettura. Era presente ad illustrarlo anche l’ingegnere Filippo Di Mauro che lo ha redatto e sottoposto all’approvazione dell’organismo.

“Tutti insieme – ha detto Tomasello - in maniera ordinata possiamo assicurare una festa che sia la festa di tutti, realizzata nell’incolumità delle centinaia di migliaia di devoti che affluiranno nelle nostre piazze. Per questo abbiamo stilato un vademecum, diffuso capillarmente in città, che contiene chiare indicazioni sulle vie di esodo, gli accessi e le capienze possibili in ogni piazza, nonché i provvedimenti per la festa nei giorni del 3, 4, 5 e 6 febbraio. Una festa disciplinata da norme che non possono essere derogate”.

“Un’azione forte di sensibilizzazione, anche culturale, - ha continuato il Presidente – finalizzata al rispetto delle regole sarà attuata attraverso dei volontari che saranno tra la gente a dare indicazioni. A questo proposito confidiamo nelle forze sane della città, insieme all’associazionismo, per collaborare a far osservare le indicazioni del piano, assicurando a tutti una festa serena e senza pericoli di sorta. Abbiamo anche fatto tesoro delle esperienze dello scorso anno, introducendo dei rinforzi ai varchi per evitare l’effetto sfondamento”.

“ Le prescrizioni scaturiscono- ha detto Di Mauro-  da incontri con la Prefettura e tavoli tematici che hanno tenuto conto dei rischi, delle vie d’accesso e di esodo in piazze e vie”.

Tomasello ha annunciato una novità riguardante le candelore che saranno esposte nella “Casa delle Candelore”, allestita in tensostrutture apposite in piazza Duca di Genova, giorno 3 febbraio dopo la processione dell’offerta della cera. Qui i volontari del Fai e Fai Giovani illustreranno ai visitatori la storia e le caratteristiche di ciascuno dei cerei lignei.


La salvaguardia della popolazione e dei devoti partecipanti alle varie manifestazioni è stata sempre garantita da una consolidata esperienza del Sistema Protezione Civile, sviluppato dall’Amministrazione Comunale, che ha visto il coinvolgimento complessivo delle Direzioni e dei Servizi interessati al controllo ed alla gestione dell’evento.
Fondamentale è  il supporto sanitario dall’Azienda Ospedaliera Cannizzaro con la Centrale Operativa S.U.E.S. 118 di Catania, nonché dalle Associazioni di Volontariato facenti parte del Coordinamento Comunale del Volontariato di Protezione Civile.

COM

Sistema Comunale di Protezione Civile

Il piano di intervento predisposto negli anni prevede l’impiego, per tutta la durata dell’evento, del personale della Protezione Civile Comunale in turnazione H 24, per le operazioni di coordinamento della Sala Operativa Comunale.
Il sistema comunale di protezione civile si avvarrà di referenti in Sala Operativa di varie Funzioni di Supporto: Comando di Polizia Municipale e Ufficio Traffico Urbano, Coordinamento Comunale del Volontariato di Protezione Civile, SUES - 118 Catania, AMT, Manutenzione SS. TT., Operatori di Radiocomunicazione del Volontariato, ecc..

 

Coordinamento Comunale del Volontariato di Protezione Civile

La dislocazione delle forze del volontariato sul territorio e nelle aree interessate dagli eventi è funzionale al tipo di intervento e ha come obiettivo la salvaguardia della popolazione. Le Associazioni del Coordinamento Comunale del Volontariato, al fine di garantire al massimo il sistema di informazione preventivo della cittadinanza, la sorveglianza ed il controllo delle manifestazioni, operano con la costituzione di apposite squadre appiedate di volontari, generiche, logistiche e sanitarie, le quali sono posizionate secondo uno schema che consente la funzionalità e la ottimizzazione complessiva degli interventi.

Vol_1

Il responsabile della Funzione Volontariato, gestita dal referente del Coordinamento Comunale, provvede a garantire sul territorio comunale, la funzionalità e lo spostamento delle squadre appiedate, i cambi di turno dei volontari e la distribuzione dei materiali e dei vettovagliamenti ai volontari.
I volontari dovranno essere un punto di riferimento per i fedeli e, nel contempo, un’interfaccia con le Forze dell’Ordine. In particolare, ai volontari impegnati nella gestione di questo tipo di servizio è richiesto di operare come avvistatori all’insorgere di possibili emergenze ed indirizzare le persone nelle aree sicure, giuste le indicazioni del presente Piano.

Vol_2

In particolare il volontario deve:

  • mantenere con fermezza e garbo il rispetto dell’ordinato svolgimento dell’evento;
  • mostrarsi flessibile e comprensivo di fronte a specifici problemi che possono essere risolti in via definitiva senza che siano alterate le condizioni generali di svolgimento dell’evento;
  • indirizzare il cittadino nel luogo preposto o dare indicazioni su chi è preposto alla risoluzione del problema;
  • non trattare mai con sufficienza, con arroganza o con insofferenza un cittadino.

Segreteria


Piani Operativi

 Piano Operativo 2020
 Piano Operativo 2019 Estate
 Piano Operativo 2019
 Piano Operativo 2018
 Piano Operativo 2016
 Piano Operativo 2018 estate


 

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Politica sui cookies