S.C.A. - Agibilità

Segnalazione Certificata di Agibilità

Pubblicato il:

23 ottobre 2017

Ultima revisione:

19 novembre 2021

 

 

 Direttore: ing. Biagio Bisignani Sede
 via Biondi, 8 - 95131 Catania  - INFO POINT tel. 0957422045
 mail : direttore.urbanistica@comune.catania.it
 pec: comune.catania@pec.it
Ricevimento: 

Lo Sportello Unico per l'Edilizia - SUE svolgerà l'attività di ricevimento, previa prenotazione online eseguita tramite il portale di servizi Città-Semplice, nei giorni di seguito elencati:

  • Giovedì dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00;
  • Venerdì dalle ore 8.00 alle 13.00.

Per l'accesso all'Agenda degli appuntamenti sulla piattaforma città-semplice è necessario essere in possesso di credenziali SPID. 
Gli incontri oggetto di prenotazione si svolgeranno unicamente in modalità video chat, per mezzo della piattaforma Google Meet con il seguente

  • ID riunione: meet.google.com/ryu-obzt-tzx.


Per prenotare un appuntamento basta collegarsi allo Sportello Unico per l'Edilizia

 

 


Cosa è

La SCA Segnalazione Certificata di Agibilità, ex art. 24 del DPR n. 380/2001, recepito dinamicamente dall'art. 1 della l.r. n. 16/2016, sostituito dall'articolo 3, comma 1, lett. l) del decreto legislativo 25 novembre 2016, n. 222, è la certificazione che bisogna depositare per il completamento dell’iter amministrativo, che segue dal rilascio di un Permesso di Costruire o di un titolo edilizio equivalente. 

 


A cosa serve

L'Agibilità dell’immobile deve essere attestata mediante trasmissione del modello Unico di Segnalazione Certificata presso la competente Direzione Urbanistica e Gestione del Territorio, sia nel caso di edificazione di un nuovo edificio, sia quando si è proceduto alla ristrutturazione di un immobile già preesistente, dotato di regolare licenza edilizia. 
La Segnalazione Certificata S.C.A. viene presentata dal titolare del Permesso di Costruire, ovvero della SCIA, entro 15 gg. dall'ultimazione dei lavori, poichè la mancata presentazione della segnalazione, ai sensi dell'art. 3, punto 5, comma 3 del D.Lgv. n. 222/2016, comporta l'aplicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da € 77,00 a € 464,00. 


Quando serve

La Certificazione di Agibilità si rende necessaria per poter abitare un immobile, nonché quando si intende procedere ad effettuare l’alienazione dello stesso.


Presentazione e/o trasmissione della S.C.A.

La Segnalazione Certificata di Agibilità deve essere presentata dal medesimo soggetto titolare del regolare Permesso di Costruire ovvero della Segnalazione Certificata di Inizio Attività, ed, in alternativa, dal soggetto in possesso di titolo adeguato (i soggetti sono indicati all'interno del modulo predisposto per la segnalazione).

La presentazione del modello Unico compilato della SCA può avvenire a mezzo PEC: comune.catania@pec.it..

 



Tempi per il rilascio dell'Agibilità

- il procedimento si completa entro 30 gg., salvo maggiorazioni dovute ad integrazioni;
- la segnalazione certificata non ha limitazioni temporali fatto salvo ulteriori modifiche all'immobile.


Versamento Diritti di Segreteria 

Al momento della trasmissione della S.C.A. occorre allegare la ricevuta di pagamento dei Diritti di Segreteria € 120,00, da versare sul C/C postale  n. 17666959, intestato a Comune di Catania – Tesoreria Comunale – con la seguente causale: Diritti di Segreteria su atti dell’U.T.C., ovvero mediante bonifico bancario sul codice IBAN IT18V0760116900000017666959, secondo l'importo specificato nello schema "allegato SUE" della Del. GM n. 04 del 29/01/2019, avente ad oggetto: "Dissesto finanziario. Attivazione delle entrate proprie ai sensi dell'art.251, D. Lgs. n. 267/2000 - Tariffe dei servizi a domanda individuale e dei servizi generali." .

Vedi bollettino di C.C. editabile (da compilare con l'importo di € 120,00)


Sanzioni amministrative per mancata presentazione

La mancata presentazione della segnalazione oltre il termine dei 15 giorni dalla comunicazione di fine lavori, ai sensi dell'art. 3, punto 5, comma 3 del D.Lgv. n.222 del 25/11/2016, comporta l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da € 77,00 a € 464,00 da effettuarsimediante versamento a mezzo:

  • C.C. postale n. 18168955 intestato a Comune di Catania – Tesoreria Comunale – con la seguente causale: Sanzione amministratica ex art. 3, punto 5, comma 3 del D.Lgv. n. 222/2016, immobile sito in via ..................- 
  • Bonifico bancario IBAN IT74H0760116900000018168955 intestato al Comune di Catania – causale: sanzione amministratica ex art.3 comma 1 lettera i) del d.Lgs n. 222/2016, immobile sito in via …..............................-.

Si allega il modello precompilato del bollettino di C.C. in formato .pdf editabile.


 

Con Det. Dir. 653 del 05/12/2017 avente ad oggetto: " SCA - art. 24 d.P.R. 380/2001....APPLICAZIONE SANZIONI - art. 3, c. 3 dLgs. 222/2016" sono stati adottati i criteri di quantificazione della sanzione amministrativa pecuniaria, secondo lo schema di seguito riportato:

Superficie lorda intervento edilizio (mq)*

Imposto sanzione (da € 77 ad € 464)

Modalità della sanzione di versamento

  • con C.C. postale n. 18168955 intestato a Comune di Catania – Tesoreria Comunale causale: sanzione amministrativa ex art. 3 comma 1 lettera i) del d.Lgs n. 222/2016, immobile sito in via .................................
  • con bonifico bancario IBAN IT74H0760116900000018168955 intestato al Comune di Catania – causale: sanzione amministratica ex art.3 comma 1 lettera i) del d.Lgs n. 222/2016, immobile sito in via …..............................-

< 50 mq.

€ 77,00

da 50 a 100

€ 154,00

da 100 a 200

€ 231,00

da 200 a 300

€ 308,00

> 300 mq.

€ 464,00

 

Modulistica

 


Documenti e attestazioni a corredo della S.C.A.

La Segnalazione Certificata di Agibilità, ove necessita, deve essere corredata dalla seguente documentazione:
1.  Attestazione di asseverazione delle condizioni di sicurezza, redatta sotto la propria responsabilità, ai sensi degli artt. 359 e 481 del Codice Penale, dal Direttore dei Lavori o, qualora non nominato, da un professionista abilitato, che assevera le condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente, nonché la conformità dell’opera, ovvero dell’immobile al progetto presentato ed approvato e la sua agibilità;

2.  Documentazione relativa al collaudo statico opere strutturali:

- Certificato di collaudo statico di cui all'articolo 67 D.P.R. 380/01 e per gli interventi di cui al comma 8-bis del medesimo articolo, dichiarazione di regolare esecuzione resa dal direttore dei lavori;

3. Documentazione relativa al rispetto delle norme sulle barriere architettoniche:

- Dichiarazione di conformità, sottoscritta da tecnico abilitato delle opere realizzate, alla normativa vigente, in materia di superamento delle barriere architettoniche indicata nell’art. 11 del D.M. LL.PP. n° 236 del 14/06/89 e art. 77 del D.P.R. n° 380/01 per gli edifici privati; ai sensi dell’art. 82 del d.P.R. n° 380/01 per gli edifici pubblici o privati aperti al pubblico;

4. Documentazione catastale: Visura storica e Planimetria catastale.

- Copia conforme della “Dichiarazione per l’iscrizione al Catasto”, con attestazione dell’avvenuta presentazione e relative planimetrie catastali;

5. Documentazione relativa alla sicurezza degli Impianti:

6. Dichiarazione, originale o in copia conforme, di conformità di tutti gli impianti realizzati nell’unità immobiliare, e parti comuni edificio, completa degli allegati obbligatori indicati nella stessa, redatta dalle imprese installatrici (art. 7, comma 1 D.M. 22/01/2008 n°37,in materia di sicurezza impianti);

  • Impianto elettrico e/o
  • Impianti per la sicurezza (antifurto, citofono)
  • Impianto protezione scariche atmosferiche
  • Impianto riscaldamento e climatizzazione
  • Impianto ascensori, montacarichi, scale mobili
  • Impianto radiotelevisivo
  • Impianto protezione antincendio
  • Impianto idrico
  • Impianto gas
  • altro

7. Parere igienico-sanitario rilasciato dall' A.S.P., per tutti gli immobili con destinazione diversa da quella residenziale.


 


 

Adempimenti ai sensi dell’art. 36 della LR. n. 1 del 22 Febbraio 2019

Leggi Tutto  


Ulteriore documentazione da allegare, ove necessita, a supporto della S.C.A.:

1. Documentazione relativa all'isolamento termico:

- Attestato di prestazione energetica dell'edificio o dell'unità immobiliare redatto dal certificatore energetico iscritto all'Albo Regionale e convalidato dal SIPEE, per interventi di nuova costruzione o ristrutturazione;

2. Documentazione relativa al rispetto delle norme prevenzione incendi (d.P.R.1/8/2011 n° 151):

- Certificato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in corso di validità (se scaduto occorre allegare copia del certificato scaduto ed istanza di rinnovo del suddetto CPI);

- Dichiarazione sottoscritta da tecnico abilitato attestante l'esenzione dalla presentazione del certificato stesso, in quanto nell'edificio e nelle unità immobiliari non viene svolta alcuna attività soggetta alla normativa prevista dal D.P.R. 1/8/2011 n° 151;

3. Documentazione relativa all'anagrafe delle unità immobiliari: Richiesta assegnazione numero civico;

4. Documentazione relativa agli allacciamenti: 

  • dichiarazione a firma della proprietà e del tecnico abilitato attestante:
  • corretto approvvigionamento idrico a norma di legge e requisiti degli impianti;
  • corretto allontanamento delle acque reflue (a norma delle vigenti leggi): con riferimento al regime degli scarichi, si precisa che occorre documentare le condizioni di conformità alle norme di legge, in ragione della specificità del caso. Nel merito occorre accertare l’avvenuto perfezionamento della procedura di cui all’art.38 e 39 della L.R. n.27 del 15-05-1986 recante Disciplina degli scarichi delle pubbliche fognature e degli scarichi degli insediamenti civili che non recapitano nelle pubbliche fognature e modifiche alla legge regionale 18 giugno 1977, n. 39 e successive modificazioni ed integrazioni, verificando cioè l’avvenuto allaccio alla pubblica fognatura, piuttosto che l’adeguamento del sistema esistente o il mantenimento dello stesso, qualora in assenza di recapito funzionale; occorre, altresì, la verifica di rispondenza alla disciplina di cui al vigente Regolamento Edilizio Comunale pubblicato sulla G.U.R.S. n.54 del 24.12.2014).
  • corretto smaltimento dei rifiuti solidi;

5. Documentazione relativa al rispetto delle norme in materia di Inquinamento Acustico.

 


AVVISO IMPORTANTE

 

Si precisa, altresì, che il deposito della Segnalazione Certificata per l’Agibilità assume efficacia solo se corredata delle dichiarazioni e/o documentazioni di legge, per come sopra sinteticamente esposta.
Diversamente la stessa è da ritenere improcedibile ed inefficace, tale cioè da ravvisare il presupposto per nuova e distinta segnalazione certificata di agibilità, significando, pertanto, l’esigenza della nuova corretta ed esaustiva compilazione del modello ministeriale ad essa correlata, nonché la completezza della documentazione prevista, a puntuale ed esaustiva lettura dei dati richiesti e delle assunzioni di responsabilità. 

Inoltre, qualora la procedura S.C.A. venisse utilizzata anche quale COMUNICAZIONE FINE LAVORI per pratiche edilizie in corso, la suddetta comunicazione deve essere corredata della documentazione di rito utile e necessaria alla corretta chiusura del procedimento richiamato, pena l’inefficacia e improcedibilità della stessa S.C.A..

Al fine di consentire maggiore efficienza alla procedura istruttoria, si invitano i professionisti a perfezionare la chiusura dei lavori a mezzo della Comunicazione Fine Lavori delle pratiche in corso, da trasmettere con procedura separata e preliminarmente al deposito della SCA.



Modulistica Unificata e Standardizzata

Dopo l’approvazione da parte della Conferenza unificata dell’Accordo del 4 maggio 2017 e successivamente alla pubblicazione della deliberazione della Giunta regionale n. 237 del 14 giugno 2017, recante “Piano di Rafforzamento Amministrativo (PRA) - Programmazione 2014/2020 - Adozione moduli unificati e standardizzati in materia di attività commerciali e assimilate (ex decreto legislativo 30 giugno 2016, n.126), nonché dei moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze, adottati in sede di Conferenza Unificata nella seduta del 4 maggio 2017", l'Assessato per il Territorio e l’Ambiente della Regione siciliana ha predisposto il Decreto n. 186 del 19 giugno 2017, di approvazione dei moduli unificati e standardizzati da utilizzare per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia edilizia.

Modulistica da utilizzare:

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Politica sui cookies