Ultima revisione:

19 gennaio 2022

Tempo di lettura:

 

Da giovedì 20 gennaio il museo Emilio Greco cambierà sede, da palazzo Gravina Cruyllas in piazza S. Francesco, chiuso per i lavori di restauro, si sposterà al palazzo della cultura in via Vittorio Emanuele 121 all’interno del museo si potranno ammirare 150 tra litografie e acqueforti, queste ultime nella pregevole serie dei 25 commiati (in cui l'artista analizza in maniera accurata il tormentato distacco tra uomo e donna cogliendone le infinite sfumature della "vibratile fisicità", in una sorta di erotismo "brancatiano"). Saranno esposte opere di ispirazione classica (nausicaa, euriclea, aretusa, medea, saffo, ritorno di ulisse, metamorfosi, ninfa e fauno) in cui le citazioni relative a catullo sono piuttosto evidenti.
La maggior parte dell’esposizione è frutto di una donazione dello stesso Emilio Greco, ma non mancano "prestiti" da parte dei parenti. All’inaugurazione, giovedì 20 gennaio alle ore 11,30, oltre al Sindaco Salvo Pogliese e all’Assessore alla cultura Barbara Mirabella, saranno presenti il professore Lorenzo Zichichi e lo scrittore Giordano Bruno Guerri.