Ultima revisione:

15 ottobre 2020

Tempo di lettura:

Categoria
Ufficio Stampa
Materiale

 

Un ingente quantitativo di rifiuti speciali tra cui prodotti chimici, provette, siringhe e altro materiale sanitario, tipico dei laboratori d’analisi, ancora deposto in centinaia di scatoloni che dovevano essere smaltiti nel rispetto della normativa, sono stati invece riversati in quattro diversi punti del quartiere Picanello. Il grave atto contro l’ambiente, realizzato in spregio a qualunque norma di legge e di buon senso, è stato consumato tra via Galatola, via De Amicis, via Villaglori e via Arduino, dove il materiale infiammabile è stato nottetempo depositato, con grave rischio per la salute dei cittadini. In via Galatola, peraltro, i prodotti abusivamente sversati sono anche andati a fuoco, tanto che sono dovuti intervenire Arpa e vigili del fuoco per i rilievi della tossicità nell’aria e per spegnere le fiamme divampate. 

L’assessore all’ambiente Fabio Cantarella ha immediatamente dato disposizioni di bonificare le aree e di individuare i responsabili. Indagini del reparto ambiente della polizia municipale sono in corso, con segnalazione all’Autorità Giudiziaria dei fatti incresciosi che si stanno ripetutamente verificando a Catania, con risvolti penali e amministrativi.

nm