Ultima revisione:

24 febbraio 2021

Tempo di lettura:

Categoria
Ufficio Stampa
Aula consiliare

 

Il Consiglio comunale ha approvato nella seduta di ieri sera la delibera sul fondo perequativo degli enti locali per le agevolazioni straordinarie relative alla Tari 2020 per l'emergenza Covid-19.
Il documento, cha ha ottenuto l'unanimità dei 32 consiglieri presenti, è stato illustrato dal vicesindaco e assessore al Bilancio Roberto Bonaccorsi.
E' di 13.104.707,62 euro la somma che spetta al Comune di Catania secondo l'intesa con la Regione finalizzata all'individuazione dei criteri di riparto del fondo (art.11 L.R. 9/2020) istituito per compensare le minori entrate dei Comuni che hanno disposto “l’esenzione o la riduzione dei tributi locali, nonché per le concessioni di suolo pubblico e canoni di utilizzo in favore di operatori economici, enti e associazioni per il periodo in cui le attività sono risultate sospese o soggette a limitazione a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19”.
La delibera prevede l'integrazione del regolamento dell'imposta unica comunale, per la componente della tassa sui rifiuti (tari), che era stato approvato dal Consiglio comunale nel 2014, e definisce anche le numerose categorie di attività con la tariffa ridotta nella misura del 60%  per il periodo 1 marzo 2020 - 31 dicembre 2020,  che vanno dai musei alle strutture ricettive, dagli esercizi commerciali alle attività artigianali e industriali, dagli  studi professionali alle agenzie di organizzazione di eventi.
L'atto sul fondo perequativo è stato approvato, dopo il prelievo rispetto agli argomenti all'ordine del giorno, insieme con l'immediata esecutività proposta dall'Amministrazione.
In apertura di seduta l'Assemblea cittadina presieduta da Giuseppe Castiglione ha osservato un minuto di silenzio per onorare la memoria dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi nell'attentato di lunedì scorso in Congo.

ami