Ultima revisione:

19 febbraio 2010

Tempo di lettura:

Domani Giovedì 18 Febbraio alle ore 11,00 al Castello Ursino avrà luogo la conferenza stampa di presentazione della mostra 50 Anni d'Arte del maestro Vittorio Ribaudo.

La mostra sarà inaugurata Venerdì 19 Febbraio  alle ore 17,30 e resterà aperta fino al 14 Marzo con i seguenti orari:
Da Lunedì a Sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 19,00, la Domenica dalle  8,30 alle 13,00. 

BIOGRAFIA VITTORIO RIBAUDO

Vittorio Ribaudo,”il pittore del legno e della natura”,è nato a Palermo il 15 Febbraio 1937.
Un grande uomo sportivo e un grande artista, in quanto ha avuto il dono naturale di usare ambedue le mani,infatti con la sinistra dipinge e la sua passione per l'arte è nata in giovanissima età,mentre con la destra gioca a tennis e in passato è stato campione federale italiano.
La pittura di Vittorio Ribaudo viene considerata tra le più alte e rappresentative del nostro secolo,erede e continuatore della migliore pittura italiana,è stato l'inventore della pittura su legno,in quanto sfruttando le nervature del grezzo materiale,fa vivere nei suoi quadri scene stupende della nostra Sicilia.
Nel 1973 illustrando la Divina Commedia del sommo poeta Dante Alighieri ha realizzato l'opera che gli ha dato la grande fama mondiale,ma tale opera andò perduta in un terribile incendio nel 1992.A distanza di 30 anni Vittorio Ribaudo nel 2003 ripropone la seconda “Divina Commedia”,con dipinti che manifestano l'altissima maturità della sua pittura,illustrando i canti dell'inferno su legno,i canti del purgatorio su marmo e i canti del paradiso su Agata del Brasile,per i quali a Maggio 2009 è stato ricevuto dal Papa Benedetto XVI, a cui è stato donato un opera del paradiso che verrà esposta nei musei vaticani.
Nel 1977 Vittorio Ribaudo ha ideato il “Premio Rubens”,un premio rivolto a molti personaggi famosi in campo nazionale ed internazionale ,tra cantanti,attori,musicisti,stilisti,giornalisti e sportivi,al quale ha voluto dare questo nome per intitolarlo e dedicarlo ad un pittore del passato a lui molto caro,in cui a volte si rispecchia,il pittore fiammingo Peter Paul Rubens,diverso nello stile ma simile nel temperamento con la sua pittoscultura.
La critica ha sempre riconosciuto la sua grande originalità nell'uso del legno come materia pittorica e nell' uso di materiali e tecniche diverse,come il sughero,la pelle,la tela,la pietra,il marmo,la pietra preziosa,la seta e tanto altro ancora.
Inoltre Vittorio Ribaudo negli anni ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti,come il “Premio De Gasperi” nel 1965,il Premio Nazionale Franco Franchi,il Premio Aitneu della Accademia Federiciana di Catania,il Premio Maugeri Amenano d'argento,il Premio “PietrorossArte” di Caltanissetta,la carica nazionale di Geometra ad Honorem di Roma,la cittadinanza onoraria del Comune di Raddusa,la cittadinanza onoraria del Comune di Leonforte,Socio onorario “Casa d'Italia” a Caracas nel 1975,Socio onorario Ass.Culturale Marranzatomo di Catania,Socio onorario “Casa d'Italia” di New York nel 1975,Socio onorario a Stoccolma nel 1975,Premio Etna D'Oro di Catania 1979,Premio Ustica Internazionale ,Premio Orfei-Il Trapezio 1974,Premio Cesena D'Arte 1977,Premio Cassina de' Pecchi 1979,Socio Onorario AMIRA Ristoratori Italia,Socio Onorario Accademia Kataclod di Catania,Dott.Onoris Causa all'Accademia D'arte di Roma e molti altri ancora.
L'ultimo suo grande riconoscimento è stata la costituzione della “Fondazione Vittorio Ribaudo O.n.l.u.s. nel Luglio 2008 ad opera del Notaio Giovanbattista Coltaro.
Inoltre Vittorio Ribaudo è stato ricevuto da numerose personalità mondiali e ha affrescato molte città come Brucoli(Sr),Pedagaggi(Sr),Buccheri(Sr) e Cassaro(Sr), e le sue opere si trovano sia in Italia che all'Estero come a New York ,Caracas, Bruxelles,Tokio,Berlino,Yemen e San Francisco.
Varie tematiche confluiscono sulle sue opere,spesso Vittorio Ribaudo si ispira a temi paesaggistici e figurativi,rievocando scorci di paesi di campagna e caseggiati rurali,paesaggi tipici della sua terra mediterranea.
La sua produzione artistica comprende soprattutto olii su legno,mirabili non soltanto dal punto di vista formale,ma anche e soprattutto dal punto di vista dei contenuti.
Tali opere,eseguite con perfezione artistica,si caricano di profondi significati,che inducono ad una ricerca e valorizzazione di un tempo perduto.

Lucia Consolo