Ultima revisione:

13 dicembre 2010

Tempo di lettura:

Coperina Npdigliani a Catatania

 

 

"Documenta lo spirito di Modigliani, un'esposizione dalla grande capacità suggestiva e letteraria"
Sull'attribuzione del Ritratto di Agatae: "Non tocca a me fare le perizie. E poi cosa cambia se l'ha fatta qualcun altro?"

 

"Che un disegno della Sant'Agata sia o non sia di Modigliani è cosa ben diversa da questa mostra, fortemente didascalica, utile perché tanti giovani vengano a capire qual era l'anima di questo grande italiano, Amedeo Modigliani, forse il pittore del '900 più di tutti dotato di anima, e l'anima è il tema religioso per eccellenza". Così il critico d'arte, Vittorio Sgarbi commenta, al termine della visita inaugurale con i giornalisti, la mostra "Modigliani, ritratti dell'anima" in programma al Castello Ursino di Catania da domani e fino all'11 febbraio 2011. 

Sgarbi si congratula con gli organizzatori - gli Archivi Modigliani di Roma, il Comune di Catania e la Galleria Side A - sottolineando come "con pochi mezzi e non potendo contare sui prestiti delle grandi collezioni, siano stati comunque capaci di documentare in modo estremamente sensibile lo 'spirito di Modigliani' e questa sua capacità di toccare le corde della nostra sensibilità più intima e più segreta. Cosa che rende questo artista così straordinario". In merito all'attribuzione dell'inedito Ritratto di Agatae a Modigliani, Sgarbi aggiunge: "Non tocca a me fare la perizia, quello è compito degli Archivi, Parisot potrà rispondere". Poi aggiunge: "E' la prima volta che una mostra su Modigliani mi incuriosisce e mi diverte: per il bell'allestimento teatrale, per la documentazione storica.

 Una capacità suggestiva e letteraria molto evocativa. Tempo fa feci anch'io qualcosa su Modigliani per Spoleto e Salemi con pezzi della Collezione Moratti, ma neanche la mia mostra aveva incuriosito come questa. Ho anche visto un'opera della Akhmàtova: e tutto questo soverchia di gran lunga quella che pensavo fosse un'occasione devota, con una specie di riconoscimento alla grande Santa che domina la città di Catania. Credo tutto ciò sia un piccolo miracolo che prova che Sant'Agata, di Modigliani non di Modigliani, è sopra Catania e la protegge".

Per il sindaco Raffaele Stancanelli la mostra, voluta e organizzata dall'assessore alla cultura e ai grandi eventi Marella Ferrera, è "un grande salto di qualità per Catania che ci mette in condizioni di dire che, poco alla volta, stiamo superando l'emergenza degli anni passati anche attraverso questi eventi graditi e attesi non solo dai catanesi ma anche dai viaggiatori di passaggio. Sono grato a Marella che ho voluto in Giunta proprio perché desse un impulso in tal senso all'offerta culturale della città, e ringrazio l'intervento degli sponsor privati grazie ai quali abbiamo potuto intervenire con una cifra minima che recupereremo dallo sbigliettamento: incassi che saranno destinati sempre al recupero funzionale del Castello Ursino". Anche Marella Ferrera condivide il sentimento di gratitudine nei confronti di tutti gli imprenditori, grandi e piccoli, che hanno aderito alla sua chiamata per sostenere il progetto Modigliani. "Un grazie particolare al direttore del Teatro Stabile, Giuseppe Di Pasquale, che ha messo a disposizione della mostra tecnici e maestranze guidati dal direttore degli allestimenti scenici Franco Buzzanca che in questi giorni hanno lavorato notte e giorno per arrivare puntuali all'inaugurazione di oggi".

Per Christian Parisot, presidente degli Archivi Modigliani di Roma e Parigi, il "miracolo" della mostra di Catania è "tutto nelle mani di Marella Ferrera, che ha saputo cucire i desideri di tanti attraverso un invisibile filo d'oro. Quella di Catania è la seconda di una serie di mostre che gli Archivi stanno inaugurando in questi giorni: ieri a Praga, oggi Catania e il 18 dicembre quella del MART di Rovereto organizzata dalla direttrice Carla Belli e da Flavio Fergonzi che darà una esauriente presentazione delle sculture di Modigliani e del periodo dell'arte negra". In merito alle polemiche degli ultimi giorni su quella che l'Osservatore Romano ha definito una "frettolosa attribuzione a Modigliani" del Ritratto di Agatae, Parisot ricorda come la prima autenticazione fu fatta negli anni Settanta dalla stessa figlia di Modigliani, Jeanne, e che l'equivoco è nato da una errata interpretazione del fatto che la lettera fosse indirizzata o meno a Modigliani. "Questo è l'equivoco - spiega Parisot - la lettera è del 1876 e non ha niente a che vedere, nei suoi contenuti, con Modigliani. L'artista riceve, forse per posta dal fratello che visse a Catania per un periodo, questo documento su una magnifica carta che lui riutilizza, disegnandovi sopra la Agatae, come ha fatto per dieci, dodici volte nello stesso anno, il 1919. Siamo in periodo post-bellico e la carta, soprattutto quella di pregevole fattura, scarseggia. Così gli artisti disegnano dove capita: spartiti musicali, menu dei ristoranti, ricevute dei negozi. La mostra di Catania racconta anche questo grazie ai documenti della famiglia riuniti da Jeanne e adesso custoditi dagli Archivi".

Gibiino ha presentato i 7 disegni di Modigliani prestati alla mostra del Castello Ursino dai collezionisti siciliani da lui coordinati. "Opere già prestate a esposizioni internazionali di gallerie e musei ma mai esposte in Sicilia".

Rosso è il filo conduttore della mostra. E Rosso Modigliani è il titolo dei due eventi che uniscono arte culinaria e cultura orchestrati dall'imprenditrice siciliana Giusi Parolino che insieme allo chef Carmelo Chiaramonte ha lanciato il Concept Taste: un percorso di degustazione per esplorare le assonanze fra arte, moda cultura e cibo. Al mattino una tavolozza di rossi dell'Etna: dal fico d'india alla ventresca di tonno, dai ricci di mare alle fragoline di bosco alle arance tarocco. Per la sera la degustazioni delle tre più celebri acque minerali del mondo (Voss, Baduait e Evian) e dieci ghiottonerie DOP italiane: dal pecorino di fossa al lardo toscano, dal carpegna (prosciutto di montagna) ai pecorini in barrique e sottocenere, dall'aceto balsamico Dodi alla torta di ricotta, irrinunciabile omaggio all'arte dolciaria siciliana. La torta è. prodotta con latte di pecora del territorio di Agrigento e realizzata da raffinatissimi maestri pasticceri. I vini sono quelli siciliani Duca di Salaparuta.

LA MOSTRA, i contenuti

In mostra al Castello Ursino è il percorso artistico e umano di Modigliani: un itinerario, fra opere e documenti d'epoca - fra cui il "Diario della madre", una sorta di giornale di famiglia curato da Eugénie Garsin-Modigliani - che ripercorrono la vita del ritrattista erede della tradizione rinascimentale toscana. Secondo un ordine cronologico, che prende il via dalla nascita di Amedeo, sono esposti 25 disegni, 3 oli su tela, 5 sculture oltre a 7 disegni inediti di Modigliani selezionati da Gibiino fra quelli in possesso dei collezionisti siciliani, realizzati a Parigi tra il 1909 e il 1919 e mai esposti in Sicilia. E poi decine di documenti d'epoca e le opere degli amici di Modigliani, che nel quartiere di Montmartre, un secolo fa, visse a contatto con artisti e intellettuali del tempo come Cocteau e Apollinaire. Una quarantina le opere degli amici più intimi di Modigliani, come Picasso, Toulouse-Lautrec e Jacob, e dei contemporanei Orloff, Chéret, Viegels, Foujita.
Il volume dedicato alla mostra è pubblicato da Domenico Sanfilippo Editore, riunisce i saggi di numerosi critici e storici dell'arte italiani e stranieri. Fra i contributi anche quello di Salvo Russo, artista e docente di pittura all'Accademia di Belle Arti e all'Università di Catania, con un testo dedicato alla "virtuale" giornata catanese di Modigliani che, pur desiderandolo, non potè conoscere la città ai piedi dell'Etna dove si erano trasferiti per qualche tempo i fratelli Emanuele e Umberto.
     

 

      
      MODIGLIANI Donna con occhi blu olio su tela 1917 (LGT)

DIDA immagine: Amedeo Modigliani, Donna con gli occhi blu, olio su tela, 1917

 

INFO

Segreteria Organizzativa "Modigliani, ritratti dell'anima"
Museo Civico Castello Ursino
Piazza Federico di Svevia
Tel. 095 - 34.58.30
Cell. 392-24.411.84

Orari

 

da lunedì a sabato 10-19
domenica 9.30-20.30
11 e 18 dicembre fino all' 1.30 
(ultimo ingresso ore 24)

Festivi

  • 1 gennaio 15.30-20.30
  • 6 gennaio 9.30-20.30
  • 5 febbraio (S. Agata) 9.30-20.30
  • CHIUSO 25 dicembre

BIGLIETTI

  • Intero 6 euro
  • Ridotto 3 euro 
  • VISITE GUIDATE su prenotazione
  •  PREVENDITA BIGLIETTI: Circuito Box Office Tel. 095 722.53.40  www.ctbox.it
  • PRENOTAZIONE GRUPPI e VISITE GUIDATE
    Segreteria Organizzativa del Castello Ursino 095 
    Marina Cafà, mobile 392-24.411.84
    modiglianicatania@gmail.com

Regole RIDOTTO:
- studenti di scuole di ogni ordine e grado accompagnati dagli insegnanti previa prenotazione ed elenco su carta intestata dell'Istituto di appartenenza
- allievi delle accademie e universitari previa esibizione del libretto universitario
- insegnanti non accompagnatori di un gruppo
- militari e forze dell'ordine non in servizio
- ragazzi di età compresa fra gli 8 ed i 18 anni
- visitatori di età superiore ai 65 anni
- dipendenti del Comune di Catania
Regole GRATUITO:
- amministratori in carica di Comune e Provincia di Catania e della Regione Siciliana
- direttori e conservatori dei Musei Italiani e stranieri
- gallerie e istituti artistici italiani e stranieri
- funzionari preposti alle Soprintendenze BB.CC.AA
- dirigenti MIBAC
- giornalisti iscritti all'Ordine (previa esibizione del tesserino con bollo anno in corso)
- insegnanti accompagnatori degli studenti di ogni ordine e grado, regolarmente prenotati e autorizzati dal capo d'istituto
- personalità dello stato e della politica in rappresentanza ufficiale
- guide turistiche regolarmente autorizzate (patentino)
- invalidi civili e di guerra al 100% con o senza accompagnatore
- disabili e invalidi riconosciuti dalla legge
- bambini fino a 7 anni.
NOTA: La biglietteria chiude 60 minuti prima dell'orario di chiusura del Castello Ursino.

Ufficio Stampa Modigliani Institut Archives Lègales, Alessandro Fava Del Piano a.fava@renziepartners.it mobile 335-46.07.35
Ufficio Stampa "Modigliani, ritratti dell'anima" Zephir di Carmela Grasso melagrasso@tiscali.it mobile 349-26.84.564

 

 

Approfondimenti:


 

banner Ministero BBCC ed Modigliani Institute