Ultima revisione:

12 maggio 2011

Tempo di lettura:

 

Programma

In occasione della Notte dei Musei, il Sindaco Raffaele Stancanelli  e  l'Assessore Marella Ferrera hanno promosso l'adesione della Città di Catania aprendo ai visitatori il Palazzo della Cultura ex convento S. Placido  via Vittorio Emanuele,121 Catania.  Il Palazzo Platamone apparteneva alla illustre e ricca famiglia dei Platamuni    Nel XV secolo la famiglia Platamone donò alle monache benedettine la loro dimora, che la trasformarono in monastero.  Le scosse sismiche del 9 e dell'11 gennaio del 1693 distrussero le fabbriche del monastero ed al sisma sopravvissero solo due monache Oltre 100 anni durarono i lavori di ricostruzione del monastero e furono spese migliaia di onze. A questo progetto parteciparono alcuni fra i protagonisti della rinascita della città: Alonzo Di  Benedetto, l'architetto Giuseppe Palazzotto, Francesco Battaglia e Giovan Battista Vaccarini, mentre per il nuovo prospetto della Chiesa, iniziato nel 1768, le monache si affidarono all'architetto Stefano Ittar.   Dal mese di dicembre 2008 l'ex palazzo Platamone ospita l'Assessorato alla Cultura e la Direzione Cultura.

Nel cortile, la loggia di Palazzo Platamone, risalente alla seconda metà del '400, è l'unica testimonianza della città tardo-medievale sopravvissuta al terremoto del 1693. Si può ammirare un profondo archivolto, sormontato da un balcone con parapetto decorato con un motivo a chevron, fasce bicolori di pietra calcarea e schiuma lavica. L'archivolto è formato da numerose mensole, sempre in pietra calcarea, legate fra di loro con una serie di piccoli archi ogivali decorati con motivi vari. Al centro lo stemma della famiglia, dove vi è raffigurato un monte sovrastato da tre conchiglie a loro volta sormontate da un giglio
 
Si potranno visitare le seguenti mostre: 

  • "My Totem: Requiem for Symbols"  di Luca Pantina e Carlo Guarrera   (è una produzione sul tema del sacro nell'età della tecnologia, uno studio di quel che resterebbe del sacro e una rappresentazione della fatica dei suoi simboli . Il progetto prevede un'installazione di totem accompagnata in modo discontinuo da 12 tracce musicali.L'esecuzione episodica della musica rivela la frammentarietà e la precarietà della voce artistica e  delle idee intorno ai simboli del sacro, spesso circondati dall'assoluto silenzio.) Vedi Locandina
  • "A Piscarìa"  un mercato sonoro   fotografie di Monica Laurentini emozioni vissute e trasmesse nelle foto del tipico mercato del pesce cittadino, riconosciuto a livello internazionale e visitato da tutti i turisti che transitano a Catania.
  • "Il Cirnneco dell'Etna"  mostra iconografica ( mira  a dimostrare la presenza del cirneco dall'epoca pre-greca ai giorni nostri) Vedi Locandina
  • Nel corso della serata alle ore 19,30 sarà inaugurata l'installazione donata del maestro Sergio Pausig " LAS CUCHARILLAS  PARA EL CAFFE' FLORIAN" alla presenza del critico d'arte Francesco Gallo. Vedi Locandina
  • La notte sarà allietata dalle  ore 21,00 dalle note della  "Orchestra Jazz Giovanile Mediterranea" che si esibirà nella sala convegni del Palazzo con un repertorio di musica "Standard Swing e Blues.
  • La mostra di icone bizantine e rinascimentali del maestro Giovanni Longo.
    La mostra è inserita ne "La Notte dei Musei", Palazzo della Cultura, dalle ore 18,00 alle 01,00. Approfondimenti
  • Il FAI delegazione di Catania farà animazione museale con visite guidate a partire dalle ore 19,00

Orari di apertura ore 15.30 del 14 fino alle ore 1.00 del 15 maggio.

La Notte dei Musei a Catania, 2011