Referendum popolare confermativo costituzionale del 29 marzo 2020

Referendum popolare confermativo costituzionale del 29 marzo 2020

Pubblicato il:

19 febbraio 2020

Ultima revisione:

24 marzo 2020

Referendum popolare confermativo della legge costituzionale del 29 marzo 2020

A causa dell'emergenza sanitaria da Coronavirus le procedure referendarie in Italia e all'estero sono state quindi sospese, per riprendere quando sarà fissata la nuova data del referendum.
Le operazioni di voto dovevano svolgersi domenica 29 marzo 2020 dalle ore 7,00 fino alle ore 23,00.

Testo del quesito referendario: "Approvate il testo della legge costituzionale concernente 'Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari', approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?".

Convocazione dei Comizi Elettorali

Deliberazione di Giunta Municipale n. 17 del 26.02.2020 Scelta delle località dell’abitato per l’installazione dei tabelloni da destinare alla propaganda elettorale diretta.

Deliberazione di Giunta Municipale n. 18 del 26.02.2020 Assegnazione spazi per la propaganda elettorale diretta.

Possono votare tutti i cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali del proprio Comune che avranno compiuto il 18° anno di età entro il 29 marzo 2020.
Le urne saranno aperte domenica 29 marzo 2020, dalle ore 7 alle ore 23, mentre gli scrutini inizieranno subito dopo la chiusura della votazione e l'accertamento del numero dei votanti.
Il referendum popolare è indetto per decidere se approvare o meno la legge per il taglio dei parlamentari. Essendo un referendum di approvazione e non di abrogazione, non è richiesto il quorum per la validità del voto: questo significa che non è necessario che si rechino alle urne il 50% più  uno dei votanti per rendere il referendum valido, e ogni voto avrà il suo valore.
Il testo del referendum popolare confermativo della legge costituzionale che andremo a votare il 29 marzo è il seguente: «Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n.240 del 12 ottobre 2019?».
Votando, SI, quindi, si approva la legge si andranno, quindi, a tagliare i parlamentari di 345 unità, portando i parlamentari a 600.
Votando NO, invece, si lascerà tutto come è adesso e si continueranno ad avere 945 parlamentari.
 

La tessera elettorale è personale, utilizzabile per 18 consultazioni, ed è il documento che permette l'esercizio del diritto di voto, unitamente ad un documento di identità.
Per essere valida deve avere spazi disponibili per la certificazione del voto.
Si consiglia di verificare tempestivamente il possesso e la regolarità della tessera per evitare possibili code e attese nel periodo prossimo alle elezioni.
 

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Politica sui cookies