Archivio Storico Comunale


       Informazioni generali


       Cenni storici


        La sede


       Patrimonio

           Fondo Verga

           Complessi documentari
           dell'Amministrazione

            Archivi aggregati


       Servizi Offerti


       Download


 

Informazioni generali

Informazioni generali

Pubblicato il:

6 ottobre 2010

Ultima revisione:

3 giugno 2022

Prospetto Ex Chisa S. Caterina del rosario

La Sezione Separata d'Archivio del Comune di Catania riceve, custodisce e rende fruibile la documentazione prodotta e versata dagli Uffici dell'Amministrazione Comunale, non più necessaria allo svolgimento ordinario del servizio, relativa ad affari esauriti da oltre quaranta anni destinata alla conservazione permanente per fini storici, cui è de jure riconosciuta la qualità di bene culturale (D.P.R. 1409/1963, Codice per i Beni Culturali D. Lgs. 42/2004), pertanto, sottoposta alla tutela e vigilanza del competente Ministero.

Dal 1998 l’Archivio Storico, opera nell’attuale sede divenendo prezioso riferimento per chiunque voglia indagare sulle proprie radici.  Gli atti ivi conservati sono liberamente consultabili, fatte salve le esigenze di riordino o di preservazione, le norme stabilite dal codice di deontologia e buona condotta per il trattamento di dati personali per scopi storici (Provvedimento del Garante n. 8/P/21 del 14 marzo 2001, in G.U. 5 aprile 2001, n. 80) nonché, quanto previsto dallo specifico Regolamento interno, adottato con Delibera Consiliare n° 11/1995.

Il nucleo originario del patrimonio documentario è rappresentato da quanto sopravvissuto all’incendio del Palazzo Municipale, verificatosi il 14 dicembre 1944, dai periodici versamenti nonché dalle acquisizioni effettuate presso archivi e biblioteche, tra il 1957 ed il 1974, dalla Commissione per la Ricostituzione dell’Archivio Storico Comunale con l’intento di restituire alla città, almeno parzialmente memoria dello scomparso archivio civico. Si ricordano, in proposito, la riproduzione di centinaia di registrazioni tratte dal fondo Real Cancelleria di Sicilia e dei Riveli di Catania, nonché l’acquisto della “Giuliana” dei f.lli Rizzari della metà del XVII secolo, oltre che di rare e pregevoli edizioni .

L’istituto intrattiene rapporti nazionali ed internazionali, offrendo con le opportune cautele, alle Istituzioni culturali che ne fanno richiesta, i beni che custodisce. Partecipa, in collaborazione con istituti scolastici e di formazione, a progetti che hanno la finalità di accrescere negli studenti la consapevolezza storiografica e le metodologie per l’approccio alle fonti documentarie. Onde valorizzare il proprio patrimonio allestisce periodiche mostre tematiche, seminari, convegni, pubblicazioni, altri eventi culturali.

 La scheda descrittiva dell’Istituto Conservatore, unitamente ad un inventario di massima di cui è previsto l’aggiornamento è presente, inoltre, nel sistema informatico SIUSA (Sistema Unificato Soprintendenze Archivistiche del Ministero per i Beni e le Attività Culturali).

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Politica sui cookies